RSS
 

Milano dall’alto: salire sul Grattacielo Pirelli

30 gen

Volete vedere Milano dall’alto? Avete due modi: salire sul Duomo oppure su un altro celebre simbolo della città: il Grattacielo Pirelli!

Sapete che è infatti possibile visitare il Pirellone (come da sempre lo chiamano i milanesi)? :D

Visitare il Pirellone

Il grattacielo ideato da Gio Ponti nel 1950, simbolo del razionalismo italiano, è considerato uno dei più importanti esempi dell’architettura contemporanea. Iniziato nel 1953 fu ultimato nel 1960 e raggiunge l’altezza di 127 metri.

La tradizione voleva che nessun edificio di Milano potesse superare la Madonnina del Duomo (situata a 109 metri di altezza). La regola era diventata addirittura norma comunale negli anni ’30 del secolo scorso. Allora, in segno di rispetto per la tradizione violata, fu realizzata e posata sulla sommità del grattacielo una copia più piccola della Madonnina!

Il progetto del Grattacielo Pirelli rispetta gli ideali architettonici di Gio Ponti, secondo il quale “l’architettura è un cristallo”. La struttura di cemento armato, formata da quattro grandi piloni visibili anche all’esterno, contiene le facciate in vetro e acciaio e conferisce all’edificio un rigore geometrico, trasparente e essenziale.

Il Pirellone svetta sul lato sud ovest di piazza Duca d’Aosta, appena fuori della Stazione Centrale e fu costruito su un’area dismessa della Pirelli per fare posto alla sede direzionale del gruppo. Nel 1978 è stato acquistato dalla Regione Lombardia per ospitare gli uffici del Consiglio e della Giunta Regionale ma dal 2010 la Giunta si è spostata poco lontano, nel Palazzo Lombardia.

Le visite al Grattacielo Pirelli consentono di conoscere, attraverso percorsi guidati, la storia dell’architettura contemporanea e del ‘900, nonché di osservare da vicino come funziona la macchina amministrativa regionale. E, naturalmente, di ammirare i panorami milanesi!

Le visite sono su prenotazione, basta contattare info@operadartemilano.it o telefonare allo 02.45487400.

Per maggiori informazioni visitate il sito della Regione Lombardia.

 

Tags: ,

Leave a Reply