RSS
 

Punks Wear Prada al Santa Tecla Cafè

22 mag

Oggi voglio parlare di una delle serate più cool della movida milanese: Punks Wear Prada, la storica one night che, da qualche anno a questa parte, risulta essere sempre la più in del momento!

Per chi non lo conoscesse, Punks Wear Prada potrebbe essere definito un party-parodia che da qualche anno impazza in tutta Europa. Fashion addicted che amano giocare a fare i “punk d’alta moda”, a imbellettarsi con borchie e monogrammi si lanciano in serate divertentissime, tra musica disco e pop.

A importare a Milano il nuovo party in stile neogotico sono stati Natasha Slater, la famosa dj, e la sua crew. La ventunenne londinese, già direttrice artistica e creatrice di Death Disco e Electric Youth, ha scelto il Santa Tecla Cafè di Milano come set ideale per organizzare gli esclusivissimi venerdì del Punks Wear Prada.

Punks Wear Prada

Proprio situato dietro al Duomo di Milano in via Santa Tecla 3, il Santa Tecla Cafè ha subito di recente un restyling in cui il trash dorato delle poltrone di pelle color oro si abbina all’altrettanto ineffabile plexiglass design che domina l’ambiente.

Le serate si tengono ogni venerdì sera a partire dalle 23.00… ricordatevi che un dress code bizzarro è d’obbligo!

 
No Comments

Posted in Serate

 

Il Castello Sforzesco di Milano

14 mag

Oggi voglio fare un post-documentario e parlare della storia del Castello Sforzesco! :D

La storia di uno dei simboli di Milano inizia nel 1360 quando Galeazzo II Visconti, che si spartiva il dominio di Milano con il fratello Bernabò, fece costruire una fortificazione a cavallo delle mura della città, il Castello di Porta Giovia, così chiamato perché inglobava la vecchia porta che portava appunto quel nome. Il castello fu poi ampliato dai suoi successori fino a diventare un edificio a pianta quadrata, con 4 torri agli angoli, i lati lunghi 200 metri e i muri perimetrali spessi sette metri.

Alla caduta della dinastia viscontea, il Castello fu demolito dalla neonata Repubblica Ambrosiana e le sue pietre furono utilizzate per rinforzare le mura della città. Sconfitta la Repubblica, Francesco I Sforza prese il potere e fece ricostruire la fortezza, per farne poi la sua residenza. I lavori furono poi continuati da Galeazzo Sforza.

Storia Castello Sforzesco

Con Ludovico il Moro, il Castello fu trasformato in un’opera magnifica, alla cui realizzazione contribuirono artisti come Leonardo da Vinci, Bernardino Zenale e il Bramante. In seguito però l’edificio fu più volte danneggiato, in diverse occasioni di guerra, dagli attacchi dei Francesi e dei Tedeschi e, per questo, fu aggiunto un nuovo baluardo. Nel 1521 un soldato francese fece saltare in aria la Torre del Filarete. Fu Francesco II Sforza a ristrutturare la fortezza e ad abbellirla in maniera sontuosa nella parte adibita a dimora della moglie Cristina di Danimarca.

La storia del Castello Sforzesco prosegue con il passaggio di Milano agli Spagnoli, quando perse la funzione di dimora signorile per diventare il fulcro della nuova cittadella militare, una delle più grandi d’Europa, dove risiedevano dai 1000 ai 3000 soldati e fu costruito un nuovo sistema di difesa a pianta esagonale. Le difese esterne raggiunsero così la lunghezza complessiva di 3 km e coprivano un’area di circa 25,9 ettari.

Il Castello rischiò la demolizione nel 1796 quando, con l’arrivo di Napoleone, la popolazione chiese di abbattere la fortezza, simbolo della tirannide. A partire dal 1801, di fronte ai cittadini esultanti, furono abbattute solo in parte le torri laterali e completamente i bastioni spagnoli, esterni al palazzo sforzesco.

Con l’annessione di Milano all’Austria, il Castello fu arricchito di cortine, passaggi, prigioni e fossati. Fu dalle sue mura che il maresciallo Radetzky ordinerà di bombardare i milanesi in rivolta durante le Cinque Giornate del 1848. Quando gli austriaci furono costretti ad abbandonare la città, i milanesi smantellarono parte delle difese.

Verso la fine dell’Ottocento l’architetto Luca Beltrami fu incaricato di realizzare un profondo restauro, terminato nel 1905. Si trattò, di fatto, di una ricostruzione, con l’obiettivo di far tornare il Castello Sforzesco alle forme che aveva durante la signoria degli Sforza.

Nella vecchia piazza d’armi venne realizzato il nuovo polmone verde cittadino, il Parco Sempione. Dopo i danneggiamenti della Seconda Guerra Mondiale, furono apportate nel tempo ulteriori ristrutturazioni e rimaneggiamenti, l’ultimo dei quali si è concluso nel 2005 con il restauro di sale e cortili.

Attualmente il Castello ospita numerose e importanti istituzioni di arte e cultura come la Pinacoteca, il Museo d’Arte Antica, il Museo Egizio, il Museo degli Strumenti Musicali.

Se volete visitare il Castello Sforzesco ecco due post che avevo dedicato alle visite guidate al Castello Sforzesco e alle visite speciali!

 

Milano in bicicletta

09 mag

Milano in Bicicletta ItinerariQuando posso, mi piace girare il centro di Milano in bicicletta. Io amo girare a casaccio :P ma se volete scoprire Milano in bicicletta seguendo degli itinerari potete farlo!

Nonostante le apparenze, infatti, Milano offre molte aree verdi e oasi tranquille da girare comodamente in bici, magari in una bella giornata di sole, senza aspettare le domeniche a piedi di Milano.

Grazie al servizio BikeMi, dell’ATM di Milano, si può noleggiare ovunque una bicicletta. Basta semplicemente abbonarsi e si hanno a disposizione, in numerosi punti strategici della città, diverse stazioni di noleggio.

I percorsi in bici a Milano che vi suggerisco iniziano dai Giardini di Porta Venezia. Seguendo le piste ciclabili al suo interno, si possono ammirare tigli, magnolie, salici e faggi, si percorrono viottoli di ghiaia, si sale su ponticelli di legno e si passa vicino a piccole cascate. Se avete tempo, potete fare tappa al Planetario e al Museo di Storia Naturale. Usciti dai Giardini di Porta Venezia, potete proseguire per quelli di Villa Reale, i primi giardini “all’inglese” in Italia, che però – purtroppo – potete solamente guardare da lontano, perché qui si entra solo se si è accompagnati da un bambino minore di 12 anni.

Da Villa Reale potete poi prendere via Senato Marina e, attraversando il centro verso il Castello Sforzesco, arriverete all’ingresso di Parco Sempione, il cuore verde della città. Qui potete girare tra laghetti e prati e approfittarne per vistare la Triennale, salire sulla Torre Branca, da dove avrete una bellissima vista su tutta Milano e, infine, fermarvi a riposare in qualcuno dei tanti bar all’aperto.

Quella è solo una proposta tra i tanti percorsi bici di Milano ma Milano in bicicletta offre tanti altri itinerari diversi, spesso protetti da circuiti riservati alle piste ciclabili.

 

iDyssey: l’Odissea raccontata con un iPhone da Stefano de Luigi

22 apr

Oggi voglio segnalarvi una mostra davvero molto particolare presso la Fondazione Stelline di Milano: si chiama iDyssey ed è un progetto fotografico e multimediale di Stefano De Luigi, fotografo tra i più apprezzati a livello internazionale e vincitore di quattro World Press Photo.

Stefano De Luigi ha seguito le tracce di Ulisse in un viaggio in dodici tappe, da Troia a Itaca, dalla Turchia alla Tunisia, dalla Grecia all’Italia e questo percorso alla ricerca del mito si è trasformato in un suggestivo racconto in 90 fotografie, 6 video e 1 multimedia, tutti realizzati rigorosamente con un iPhone!

iDyssey - Fondazione Stelline

De Luigi in iDyssey ha voluto unire, con un’idea semplice ma originale, passato e presente della nostra cultura e del nostro modo di raccontare. Da un lato la più antica testimonianza della tradizione orale e scritta, dall’altro il più innovativo dei media, che cattura le realtà in rapida trasformazione dei luoghi attraversati.

Con iDyssey, la Fondazione Stelline si conferma come una delle più vivaci istituzioni del contemporaneo. Istituita nel 1986 da Regione Lombardia e Comune di Milano, è oggi luogo di esposizioni, ricerca ed editoria, oltre che Centro di Coordinamento Musei e Raccolte d’Arte della Lombardia e del progetto Lombardia Arte Contemporanea.

La mostra iDyssey sarà visitabile fino al 26 maggio 2013. Per maggiori informazioni visitate il sito della Fondazione Stelline.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Il design di Gae Aulenti in mostra alla Triennale

17 apr

Torniamo a parlare delle mostre della Triennale di Milano e in particolare della designer Gae Aulenti!

Si chiama Gae Aulenti: gli oggetti e gli spazi ed è il progetto espositivo che il Triennale Design Museum ha dedicato al grande architetto italiano, scomparsa lo scorso anno.

Gae Aulenti

Con questa iniziativa, curata da Vanni Pasca, la Triennale di Milano vuole esplorare il lato meno valorizzato dell’attività di progettazione di Gae Aulenti: il design, appunto.

La mostra raccoglie una selezione di oggetti realizzati dal 1962 al 2008 e racconta lo specialissimo modo con cui Gae Aulenti guardava al razionalismo attraverso le lenti del Neoliberty e dell’Art Deco o recuperava con ironia la lezione delle avanguardie.

Dopo gli omaggi a Carlo de Carli, a De Pas D’UrbinoLomazzi e, ora, alla Aulenti, le mostre della Triennale di Milano confermano di volere promuovere, oltre che la sperimentazione e l’innovazione, anche la memoria delle migliori esperienze del ‘900.

La mostra è stata inaugurata lo scorso 6 aprile e sarà visitabile fino all’8 settembre 2013.

Per orari e informazioni vi consiglio di visitare il sito della Triennale di Milano.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Hangar Bicocca a Milano

10 apr

Oggi voglio parlarvi dell’Hangar Bicocca poiché non tutti sanno cosa sia!

Già ve ne avevo parlato quando, a novembre, sono salita su On Space Time Foam, l’installazione artistica di Tomás Saraceno ospitata proprio all’interno dell’Hangar Bicocca, il quale, oltre alla qualità delle proposte artistiche che presenta, ha anche il merito di offrire gratuitamente mostre e servizi al pubblico.

Nato nel 2004 per iniziativa della Regione Lombardia e di Pirelli &C., l’Hangar Bicocca è sorto sugli spazi di un vecchio stabilimento dell’Ansaldo-Breda ed è divenuto oggi uno dei più importanti riferimenti milanesi per le discipline artistiche visive e performative.

Hangar Bicocca

Le mostre dell’Hangar Bicocca si distinguono per il loro carattere fortemente orientato alla ricerca e alla sperimentazione e per i progetti site specific, pensati e allestiti appositamente per le strutture particolarissime dell’Hangar. Alcune sono temporanee mentre altre sono permanenti.

La ristrutturazione del 2012 ha reso disponibili nuovi spazi e nuovi servizi come, ad esempio, un’area polifunzionale che, oltre a servire per incontri, dibattiti e consultazione di riviste, libri e cataloghi, viene utilizzata anche come sala proiezione per rassegne d’autore.

Tra le mostre all’Hangar Bicocca, vi segnalo quella in corso, Primitive, dell’artista e filmaker thailandese Apichatpong Weerasethakul, in programma fino al 28 aprile. Con questo progetto, iniziato nel 2009, il regista rielabora la storia di Nabua, un villaggio nel nord della Thailandia oggetto di tragiche repressioni da parte dell’esercito di stato tra gli anni ’60 e ’80 del Novecento. La storia è stata reinterpretata anche coinvolgendo in un lavoro artistico alcuni giovani del luogo, nipoti dei dissidenti di un tempo.

Tra le mostre permanenti invece io sono rimasta colpita da I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer, realizzata proprio per l’Hangar nel 2004, che presenta sette torri, del peso di 90 tonnellate ciascuna, che hanno altezze variabili tra i 14 e i 18 metri e che sono state realizzate in cemento armato utilizzando come elementi costruttivi dei moduli ottenuti dai container.

Mostre Hangar Bicocca

I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer

 

L’Hangar Bicocca si trova in via Chiese 2 a Milano, all’interno del quartiere Bicocca da cui ha preso il nome. Io vi consiglio di visitarlo almeno una volta! :)

Per informazioni su attività, eventi e orari, consultate il sito dell’Hangar Bicocca.

 

Andy Warhol’s Stardust al Museo del Novecento

05 apr

Mostra Andy Warhol MilanoProprio oggi, venerdì 5 aprile, verrà finalmente inaugurata la mostra dal titolo Andy Warhol’s Stardust al Museo del Novecento.

Una mostra su Andy Warhol a Milano non si vedeva da tempo e questa è davvero speciale! Il titolo richiama la polvere di stelle come la polvere di diamante utilizzata da Warhol in molte stampe. O come la creatività scintillante delle sue opere.

Andy Warhol’s Stardust è un percorso cronologico nella storia della pop art attraverso le stampe della Collezione Bank of America Merril Lynch, che sono arrivate al Museo del Novecento grazie alla sponsorizzazione di Finmeccanica.

L’esposizione permetterà di ammirare le creazioni più celebri di Warhol, a partire da quelle nate nella mitica Factory tra la fine anni degli anni Sessanta e i primi anni Settanta: Campbell’s Soup, Flowers, Sunset, Grapes, Space Fruits.

Andy Warhol's StardustVi saranno poi gli straordinari ritratti degli anni ’70 e dei primi anni ’80, quando Warhol tornò a confrontarsi con la dimensione pittorica: i volti di Muhammad Ali e Marilyn Monroe, icone che vanno oltre la storia.

Naturalmente vi saranno anche i Myths, i supereroi dei fumetti e i personaggi dei cartoni animati. E poi quel meraviglioso trattamento egualitario, senza differenze di valore, che mette insieme i protagonisti della cultura del XX secolo, come Freud e la Stein, con drag queen, Superman, Babbo Natale.

Tra le attività collaterali alla mostra vi segnalo quelle dedicate a bambini e adolescenti, come le visite didattiche e i laboratori sul corpo con la compagnia di danza contemporanea Progetto D’Arte. Sabato 11 e domenica 12 aprile saranno proiettati alcuni film di Warhol, tra cui – gratuitamente – Empire, del 1964.

Questi gli orari: lunedì 14.30-19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30; giovedì e sabato 9.30-22.30.

Per maggiori informazioni visitate la pagina dedicata alla mostra Andy Warhol’s Stardust sul sito del Museo del Novecento.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

New Style Boutique Academy di Nintendo

03 apr

Oggi voglio dedicare un post a tutte le milanesi fashioniste parlandovi dell’iniziativa New Style Boutique Academy!

In occasione del lancio del gioco New Style Boutique di Nintendo, la celebre azienda ha creato, in collaborazione con le fashion blogger LaSbii, SweetBeauty1990, Simylicious, Alicelikeaudrey, Cheryl PandemoniumThe chili cool e The Fashion Politan, un percorso di Shopping Training: per un mese le blogger hanno postato sui loro profili social alcuni consigli di stile ispirati al gioco.

Anche le utenti hanno partecipato attivamente all’iniziativa postando outfit creati da loro, sia utilizzando il gioco che con i propri vestiti, e utilizzando gli hashtag #newstyleboutique e #academy.

Ecco il vlog con cui l’iniziativa è stata lanciata!

 

Ed ora la notizia che interesserà alle milanesi: il percorso di Shopping Training si concluderà sul campo il prossimo sabato 6 aprile alle ore 13.45 presso il negozio Accessorize in via Torino a Milano!

L’invito è aperto a tutte per partecipare ad un pomeriggio di shopping insieme alle blogger esperte di moda e di make up che sapranno consigliarvi al meglio sulla scelta dei vostri acquisti!

Per maggiori informazioni eccovi il link alla pagina del sito in cui la Nintendo presenta New Style Boutique Academy.

 
No Comments

Posted in Eventi, Moda

 

Concerto degli Ska-P a Milano!

29 mar

Se come me quando eravate più piccoli li ascoltavate sempre, il 13 aprile 2013 è il vostro giorno: la data del concerto degli Ska-P a Milano! :D

Il Forum di Assago è infatti una delle tappe dei concerti degli Ska-P 2013, la band ska punk madrilena che ha conquistato fans in tutto il mondo con la sua musica fatta di energia, protesta e impegno politico sociale.

Concerto Ska-P Milano

Il concerto degli Ska-P a Milano è l’unico in programma in Italia e offrirà l’occasione per ascoltare dal vivo i brani del loro ultimo LP, oltre che le loro più celebri hit come Seguimos En Pie, El Nino Soldado, Planeta Eskoria, Cannabis e El Gato Lopez.

La loro vitalità e le loro canzoni semplici e dirette sono diventate un punto di riferimento non solo per i più giovani, ma anche per generazioni di età diverse.

Nella serie di concerti degli Ska-P del 2013 tornerà, infatti, lo stesso spirito che ha animato la precedente tournée del 2010, quando il complesso iberico si è fatto conoscere per come sa trasformare ogni suo spettacolo in una lunga e interminabile festa in grado di trascinare tutti!

Per informazioni su orario e biglietti potete visitare il sito del Mediolanum Forum.

 
No Comments

Posted in Musica

 

Fuorisalone 2013: la Milano Design Week è alle porte!

27 mar

Ormai ci siamo quasi… è giunto il momento del Fuorisalone 2013, uno dei miei appuntamenti milanesi preferiti! Ormai credo lo sappiate bene visto che ve ne ho già parlato l’anno scorso e anche l’anno prima!!! o.O

Dal 9 al 14 aprile 2013 la Milano Design Week animerà la città con una miriade di eventi e iniziative sparsi capillarmente per diversi quartieri, anche se alcune zone hanno assunto nel tempo più importanza rispetto ad altre e sono diventate quasi delle piccole fiere diffuse: Porta Romana Design, Ventura Lambrate, Mecenate Area Design, Brera Design District, PortaVeneziaInDesign, MOST e il circuito della Tortona Design Week.

Fuorisalone 2013

Protagonisti del Fuorisalone 2013 saranno, come sempre, il design e l’arredamento: vi sarà la possibilità di entrare gratuitamente (a parte qualche caso) nei tanti showroom, laboratori, negozi e centri espositivi per ammirare allestimenti, assistere a presentazioni e talvolta a piccoli spettacoli.

Sia che siate appassionati di design o anche semplici curiosi, non avrete che l’imbarazzo della scelta! Se però dovessi consigliarvi una zona in particolare vi suggerisco di non perdervi tutta la zona Tortona dove si concentra, a mio parere, il fulcro della Milano Design Week!

Per maggiori informazioni vi consiglio di dare un’occhiata al sito del Fuorisalone 2013!