RSS
 

Archive for the ‘Mostre’ Category

Donne in Bottega: una mostra sul design al femminile

14 mar

Mostra Donne in BottegaLa creatività al femminile, nonostante dia frutti eccellenti, non ha tutto lo spazio e la notorietà che merita. D’altra parte, quando si tratta di donne, succede spesso così…. :(

Perciò oggi voglio segnalarvi la mostra Donne in Bottega. La presenza delle donne artigiane / protodesigner / designer / imprenditrici in Lombardia dal 1906 al 2012, una particolarissima iniziativa dedicata ad alcune figure femminili che, a partire dai primi del ‘900, hanno contribuito a scrivere la storia del design e dell’artigianato italiano e lombardo in particolare.

La mostra, organizzata in occasione delle Giornate Europee dei Mestieri d’Arte, sarà in programma a partire da oggi, giovedì 14 marzo, fino al 21 aprile presso Palazzo Morando a Milano.

Le curatrici della mostra, Anty Pansera e Mariateresa Chirico, hanno scelto alcune produzioni e opere, di diversi settori, rappresentative della fantasia e della progettualità al femminile. Se all’inizio del ‘900 le donne erano ancora prevalentemente impegnate nel mondo tessile, rapidamente il loro apporto creativo conquista e ridisegna molti atri mondi: dalla ceramica all’oro, dai gioielli al design industriale, dagli accessori ai complementi d’arredo.

Il gioiello è sicuramente il campo in cui il gusto femminile domina per la sua capacità di unire sogno e ironia, rigore e pragmatismo, ma anche per l’originalità con cui vengono sperimentati forme e materiali insoliti, anche volutamente poveri.

Il percorso della mostra si articola in sette sezioni, che partono dal ruolo delle donne nelle botteghe futuriste e, attraverso la tessitura, la manifattura, l’oreficeria, arriva alla progettazione industriale. Sono esposte realizzazioni di progettiste poco note ma di grandissimo valore e altre di designer affermate come Gae Aulenti.

Per maggiori informazioni visitate il sito di Palazzo Morando Milano.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Leonardo3: le opere di Leonardo per la prima volta in 3D!

06 mar

Oggi voglio segnalarvi una mostra davvero incredibile! Ovvero Leonardo3 – il Mondo di Leonardo, la prima mostra che permette di interagire con le macchine, le opere e i codici creati da Leonardo da Vinci!

In che modo? Attraverso stazioni multimediali che, disseminate lungo tutto il percorso della mostra, rendono possibile l’esperienza interattiva con 200 ricostruzioni digitali in 3D, tra cui ad esempio il Sottomarino Meccanico, la Libellula Meccanica, la Macchina Volante, la Macchina del Tempo, il Monumento Sforza e perfino il magnifico restauro digitale dell’Ultima Cena.

Leonardo3 - Mostra Leonardo da Vinci Milano

La mostra su Leonardo da Vinci di Milano offre non solo contenuti inediti, ma anche una modalità totalmente innovativa di fruirli. Per visitarla dovrete recarvi nella Sala del Re in Piazza della Scala (ingresso Galleria Vittorio Emanuele II) e avete tempo fino al 31 luglio 2013.

Potete trovare tutte le informazioni sul sito della mostra Leonardo3.

 
1 Comment

Posted in Mostre

 

Ammutta Muddìca, il nuovo spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo

26 feb

Ammutta Muddìca, non so neanche come si pronuncia (!) però vi posso dire che è il nuovo spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo!

Il trio che da vent’anni conquista e diverte le grandi platee del teatro, della televisione e del cinema è tornato sul palcoscenico a sette anni dalla tournée trionfale di Anplagghed.

Ammutta Muddìca - Spettacolo Aldo Giovanni e Giacomo

Questo nuovo spettacolo teatrale, la cui regia è affidata ad Arturo Brachetti, sarà in scena fino al 26 marzo 2013 al Teatro Arcimboldi di Milano e, fin dalle prime repliche, promette di ripetere il successo dei precedenti spettacoli: I Corti, Tel chi el Telun e, appunto, Anplagghed.

Per maggiori info su date e biglietti visitate il sito del Teatro Arcimboldi.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Il Vero e il Falso: la contraffazione dall’Unità d’Italia ad oggi

25 feb

Oggi voglio parlarvi di una delle più strane mostre di Palazzo Reale a Milano: la mostra Il Vero e il Falso!

Quando pensiamo ai falsari qualche volta ci vengono in mente persone quasi simpatiche e maldestre come Totò e Peppino de’ Filippo nella Banda degli onesti. In realtà quello della contraffazione delle monete è un mondo legato strettamente alla criminalità organizzata e perciò la falsificazione è un reato da combattere in tutti i modi proprio perché, oltre al danno per chi ne rimane vittima, va a alimentare la grande economia criminale.

Mostra Il Vero e il Falso

Tuttavia quella dei falsari è parallelamente anche una realtà che ha sempre incuriosito e, d’altra parte, si può dire che la contraffazione sia un’attività nata insieme alla moneta stessa. A questo universo parallelo è quindi dedicata la mostra Il Vero e il Falso, aperta fino al 29 marzo, e organizzata, tra gli altri, dal Comando Generale e Provinciale della Guardia di Finanza, dal Nucleo Speciale della Polizia Tributaria e dalla Banca d’Italia.

La mostra rappresenta un viaggio nel tempo, in cui sono messi a confronto gli esempi più rappresentativi del fenomeno dall’Unità d’Italia ad oggi, dalle monete alle banconote, fino alle forme elettroniche di pagamento. I falsi e gli originali sono posti vicini per un raffronto, mentre alcuni stand espositivi approfondiscono la storia della monetazione e delle tecniche e delle operazioni della Guardia di Finanza per contrastare la contraffazione.

All’interno della mostra si potrà visitare anche La stanza del falsario, ricostruzione di una stamperia clandestina realmente rinvenuta e posta sotto sequestro. Quella di Palazzo Reale è la dodicesima e ultima tappa di un progetto nato a Roma, e successivamente realizzato in altre città, che di volta in volta si arricchisce di materiale legato al luogo dell’esposizione e alla sua storia. Ecco perciò la sezione speciale dedicata alle Cinque Giornate, alla Liberazione nel secondo dopoguerra e ai traffici di valuta che nel tempo hanno coinvolto la Lombardia e le aree di confine come la Svizzera.

Maggiori informazioni sul sito di Palazzo Reale.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Modigliani, Soutine e gli altri artisti maledetti in mostra a Palazzo Reale

20 feb

E dopo la splendida mostra su Picasso, ecco che Palazzo Reale ci riserva un’altra super mostra!

Domani, giovedì 21 febbraio 2013, verrà infatti inaugurata la mostra di Modigliani dal titolo Modigliani, Soutine e gli altri artisti maledetti: 120 opere che ci porteranno dentro uno dei periodi più folli nella storia dell’arte che ha visto Modigliani come uno dei suoi indiscussi protagonisti.

Mostra Modigliani

Il periodo indagato è quello dei primi del ‘900, nella Parigi di Montparnasse, della vita bohemienne e degli artisti delle prime avanguardie culturali. In questo turbine di cambiamenti spicca la figura di un amatore e collezionista d’arte molto particolare, Jonas Netter. Fu lui tra i primi a scoprire il talento rivoluzionario di Modigliani, di cui ammirava il nuovo stile, i volti stilizzati sui colli affusolati.

Netter acquistò molti dei suoi capolavori, oltre che di altri artisti come Soutine, Utrillo, Valadon, Kisling. Oggi possiamo ammirare la Collezione Netter per la prima volta in Italia dopo l’esordio della mostra, coronato da un grande successo di pubblico, alla Pinacotheque de Paris.

La mostra di Modigliani mette a confronto i capolavori acquisiti da Netter nell’arco della sua vita. Rappresentante di mestiere, si faceva suggerire le opere degli artisti non ancora famosi, così da potersi permettere di comprarle. Il suo consigliere più illuminato fu il poeta e mercante d’arte Zborowski, grazie al quale Netter conobbe Modigliani e molti artisti delle avanguardie parigine.

Alla mostra di Modigliani si potranno vedere quadri come Elvire con colletto bianco, Fanciulla in abito giallo, Ritratto di ZborowskiRitratto di Soutine e Ritratto di Jeanne Hébuterne.

Modigliani Milano

Ritratto di Jeanne Hébuterne – 1918

E a proposito di Soutine, le sue opere presenti a Palazzo Reale – una ventina – costituiscono una mostra nella mostra. E completano, insieme a quelle degli altri artisti, una mostra che consente di esercitare un eccezionale sguardo d’insieme sull’arte del primo Novecento.

Con Modigliani a Milano le mostre di Palazzo Reale si confermano come uno dei poli espositivi più dinamici e innovativi in Italia.

Sul sito ufficiale della mostra di Modigliani potrete trovare tutte le informazioni!

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Carosello WOW Che Mostra!

13 feb

La Fabbrica di Carosello è il titolo della mostra in programma fino al 14 aprile 2013 presso WOW Spazio Fumetto, il Museo del Fumetto di Milano.

Una mostra su Carosello che presenta un percorso guidato e tantissime curiosità tutte da scoprire che ci portano in mezzo a repertori d’epoca, fotografie, rodovetri, schizzi e disegni originali, storyboard, dischi, albi, libri e giornali a fumetti, giochi, video.

Mostra Carosello Milano

La Fabbrica di Carosello ripercorre la storia del programma dagli esordi del 1957 alla sua chiusura nel 1977. Vent’anni di storia del costume e della società i cui protagonisti e modi di dire sono ancora straordinariamente vivi nella memoria degli italiani.

Oltre alle animazioni originali, si potranno ammirare più di un centinaio di pezzi dell’epoca veramente unici: la sagoma di Calindri che beve il Cynar a grandezza naturale, la Mucca Carolina, Carmencita, Unca Dunca, Ercolino Sempreimpiedi e tanti altri ancora. E oltre ai personaggi di Carosello si potranno conoscere le storie degli autori che hanno firmato uno dei periodi più creativi della televisione italiana: i fratelli Pagot, creatori di Calimero, Bruno Bozzetto, Paul Campani e Armando Testa tra gli altri.

Per tutte le informazioni visitate il sito della mostra!

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Il Museo Poldi Pezzoli

06 feb

Il Museo Poldi Pezzoli, situato in via Manzoni 12, fa parte del circuito delle Case Museo di Milano, di cui vi ho già parlato in altri post.

Ma non solo! Infatti è una delle più importanti case museo d’Europa ed è riconosciuto dallo Stato Italiano come istituto culturale di importanza nazionale per la sua collezione davvero unica di arti decorative: 3000 pezzi di straordinaria fattura tra armi, porcellane, vetri, tessili, orologi e oreficerie.

Museo Poldi Pezzoli

La sua nascita risale al 1881 quando Gian Giacomo Poldi Pezzoli, prima di morire, lasciò disposizione nel testamento che la casa e tutte le opere contenute diventassero una Fondazione Artistica regolata dalle stesse norme dell’Accademia di Brera.

Il Museo Poldi Pezzoli è poi cresciuto negli anni, grazie a ricche e numerose donazioni. Dal 1898 fino alla Seconda Guerra Mondiale è stato diretto dalla Presidenza di Brera. Nel 1939 venne chiuso a causa del conflitto bellico e le opere vennero messe al sicuro. Nel 1943 venne distrutto da un bombardamento che fece crollare in modo irreparabile i tetti, i lucernari, gli stucchi e gli intagli lignei. Dal 1946 al 1951 il palazzo venne restaurato e, grazie ad un’attenta ricostruzione filologica, vennero recuperate le parti meno danneggiate.

Il nucleo centrale è costituito dalla  superba collezione d’arte che nel corso della sua vita Poldi Pezzoli aveva raccolto riunendo nel palazzo di famiglia trecento capolavori dal XIV al XVIII secolo, tra cui alcune opere di Pollaiolo, Botticelli, Giovanni Bellini, Mantegna, Piero della Francesca, Tiepolo e Guardi. Solo a leggere questi nomi si può capire perché valga davvero la pena di visitare il Museo!

Il museo è spesso sede di mostre e proprio in questo periodo, fino al 25 febbraio, vi è in programma la mostra Giovanni Bellini. Dall’icona alla storiaL’esposizione mette a confronto l’evoluzione iconografica della Pietà nella produzione giovanile di Bellini attraverso il confronto di quattro capolavori dell’artista conservati al Museo Poldi Pezzoli, all’Accademia Carrara di Bergamo, al Museo Correr di Venezia e al Museo della Città di Rimini.

Per maggiori informazioni visitate il sito del Museo Poldi Pezzoli.

 

Allo Spazio Oberdan in mostra le fotografie di Robert Doisneau

05 feb

Anche oggi un post dedicato alle mostre fotografiche di Milano (mi piacciono, che ce devo fa?!).:D

Quella di cui vi parlo oggi è davvero bella bellissima! Sto parlando della mostra di Robert DoisneauParis en liberté, l’antologica del grande fotografo francese passato alla storia per aver immortalato il celebre Bacio all’Hotel de Ville.

Mostra Robert Doisneau

Il Bacio all’Hotel de Ville

 

Dal 20 febbraio al 5 maggio 2013, allo Spazio Oberdan di Milano, potremo vedere una selezione di 200 scatti realizzati da Doisneau tra il 1934 e il 1991.

Le immagini in bianco e nero di Parigi ci restituiscono la vera anima della città: i parigini, il loro modo di vivere, la loro quotidianità fatta di uomini e donne che si amano, che lavorano, di bambini, clochard, bistrot, di antiche professioni, di mercati e caffè, tra cui spiccano quelli esistenzialisti di Saint Germain des Prés.

Quella dedicata a Doisneau potrebbe essere annoverata tra le più belle mostre dello Spazio Oberdan (secondo me)!

Paris en liberté arriva a Milano, dopo i grandi successi a Parigi, Tokio e Roma, grazie all’iniziativa della Provincia di Milano, dell’Atelier Doisneau, della Fratelli Alinari/Fondazione per la Storia della Fotografia e con il patrocinio della Ville de Paris.

Sono inoltre previsti numerosi eventi collaterali dedicati alla vita e alla cultura parigina, tra cui una rassegna cinematografica inedita curata dalla Fondazione Cineteca Italiana.

A proposito: lo sapete che il Bacio all’Hotel de Ville non fu frutto del caso? Doisneau stava realizzando un servizio fotografico per la rivista americana Life e chiese ai due giovani di posare per lui. Un’invenzione che però non fa perdere nulla al fascino immortale della foto.

Potete trovare tutte le informazioni sulla mostra sul sito dello Spazio Oberdan.

 
 

Barbie Loves Israel

04 feb

Parlo spesso delle mostre fotografiche di Milano ma quella a cui voglio dedicare il post di oggi è davvero particolare! :D

Barbie Loves Israel è un album fotografico immaginario del viaggio di Ken e Barbie in Israele!

Barbie Loves Israel

Questa curiosa galleria di immagini è in mostra dal 30 gennaio al Kitsch Bar di Milano, in Corso Sempione 5, ed è stata ideata, realizzata e curata dal fotografo Enrico Piscantini e da Maria Giovanna Callea, stylist e copy milanese.

È un diario di viaggio nato ipotizzando che Ken e Barbie abitino lontano, uno a Mumbai e l’altra in Italia, e decidano di trovarsi e amarsi in Israele. Eccoli quindi immortalati mentre vanno in spiaggia e fanno shopping a Tel Aviv, mentre su una Jeep partono in direzione di Ein Gedi e Sodoma, oppure mentre si tengono per mano passeggiando per le vie di Gerusalemme. E, una volta tornati, aspettano che anche voi andiate a vedere le “diapositive” del loro viaggio!

Barbie Loves Israel - Mostre Fotografiche Milano

Bagno nel Mar Morto

Che dite? Io sono troppo incuriosita da questa mostra!!! :D

Per maggiori informazioni visitate il sito della mostra Barbie Loves Israel e la pagina facebook!

 
 

Bob Dylan pittore in mostra a Palazzo Reale

01 feb

Tutti conoscete il cantante Bob Dylan ma probabilmente in poco conosete il Bob Dylan pittore!

Fino a poco tempo fa neanch’io sapevo che Bob Dylan, oltre a essere un grandissimo cantautore, è stato anche un artista visivo? Un poeta degli acquerelli e dei gouaches.

Mostra Bob Dylan

L’occasione di conoscere questo suo lato più ignoto è la sua personale The New Orleans Series, una delle più interessanti mostre in programma in questo periodo a Palazzo Reale a Milano.

La mostra di Bob Dylan, una prima assoluta per l’Italia e per l’Europa, è dedicata alle atmosfere sospese e decadenti della New Orleans degli anni ’40 e ’50 e consta di 22 dipinti che prendono spunto liberamente da alcune fotografie. Soggetti isolati e scene corali vivono in una tensione profonda, dove emozioni, amore e violenza sembrano immortalati da quello che assomiglia più allo sguardo di una lente cinematografica piuttosto che all’impressione lasciata da un ricordo.

La mostra sarà in programma dal 5 febbraio al 10 marzo. Informazioni e orari qui.

 
No Comments

Posted in Mostre