RSS
 

Search results for ‘street art’

Street Art Cultura di Periferia a Milano

18 giu

Street Art MilanoSarà un’impressione personale ma a me sembra che questo sia davvero il momento della Street Art... o sbaglio? :D

E visto che la mia città non è immune a questa tendenza, oggi voglio parlarvi di Street Art a Milano e in particolare dell’evento Street Art Cultura di Periferia che si terrà il 23 e 24 giugno 2012 presso l’Associazione Culturale Last, in via Graziano Imperatore 40 a Milano, in collaborazione con il Consiglio di Zona 9 e con il patrocinio del Comune di Milano.

Un intero weekend dedicato alla Street Art che vedrà la partecipazione di due artisti di fama internazionale che realizzeranno due opere dal vivo. I due artisti in questione sono SeaCreative, che ha partecipato a Scambio d’Autore presso Palazzo Marino, e Ozmo, il quale ha di recente realizzato la mostra Il PreGIUDIZIO UNIVERSALE presso il Museo del Novecento a Milano.

Insieme a loro anche altri street artist come Atomo, Walls of Milano, Luca Gibillini e altri che discuteranno del movimento Street Art a Milano insieme ad appassionati ed esperti. Non solo arte visiva, inoltre, ma anche musica: la Crew di Syntheke realizzerà un live set elettronico.

La partecipazione alla manifestazione è gratuita ed aperta a tutti e questo è il programma completo:

23 giugno
– 11.00-18.00: live painting by SeaCreative, Ozmo & guests – via Ettore Majorana ang. via Graziano Imperatore
– 11.00-16.30: colori e telo a disposizione del pubblico – via Ettore Majorana ang. via Graziano Imperatore
– 16.30-17.00: presentazione delle opere realizzate da SeaCreative e Ozmo presso Last – via Bianchi d’Espinosa
– 17.00-18.30: panel discussion sul tema della street art a milano – via Bianchi d’Espinosa
interverranno: Walls of Milan (moderatore, fotografo appassionato ed esperto di street art); Ozmo (street artist); Atomo (street artist); Luca Gibillini (consigliere comunale, appassionato di street art)
– 18.30-01.00: aperitivo e live set musicale elettro a cura di Syntheke – via Bianchi d’Espinosa

24 giugno
16.30 -18.30: proiezione di Exit through the gift shop di Bansky – via Bianchi d’Espinosa
mostra all day long presso la sede di Last

Per maggiori informazioni visitate il sito dell’Associazione Last.

 

Scambio d’Autore: La Tour passa il testimone agli street artist

17 gen

Vi ricordate della mostra di Georges de La Tour di cui vi avevo parlato circa un mese fa? Beh, ora “la mostra è finita. Ma le luci sull’arte non si spengono”:  la mostra si è infatti conclusa l’8 gennaio e ha subito passato il testimone agli street artist!

Nella notte tra il 9 e il 10 gennaio sei artisti contemporanei hanno ridipinto con colori acrilici ad acqua il muro che ha ospitato la mostra. Questi artisti, tutti provenienti da differenti correnti espressive (poesia, arte pop, street art, graffiti, illustrazione e pittura), sono ivan, Nais, Seacreative, Tawa, Tvboy e Pao. Il risultato del loro lavoro è la performance dal titolo Scambio d’autore, a cura di Art Kitchen e Jacopo Perfetti e organizzata da Eni in collaborazione con il Comune di Milano.

Scambio d'Autore - particolari del muro

Scambio d'Autore - particolari del muro

Questi artisti, ispirati dalla luce, continueranno così a farla risplendere in nuove forme ed espressioni. La luce e l’ombra sono, infatti, il filo conduttore tra il maestro francese e i giovani artisti che hanno reinterpretato i temi dei suoi dipinti notturni. Il muro dell’allestimento, una volta completato, è poi stato tagliato e trasferito al Superground di via Bussola 4 a Milano (zona Romolo): un luogo, nato dalle ceneri di una vecchia mensa operaia, che ospita attività artistiche, sociali, culturali e teatrali.

L’esposizione del muro, ad ingresso libero, sarà visitabile dal 14 al 31 gennaio dalle ore 10.00 alle 19.00.

Ecco il video della performance, durata 17 ore, durante le quali il backstage del lavoro degli artisti è stato ripreso e mandato in streaming online sul sito di Luci sull’Arte:

Questo è invece il sito di Art Kitchen!

 
 

Eventi a Milano: “Do Not Think” – Sport e arte alla Fabbrica del Vapore

15 giu

Il 5 giugno ha aperto a Milano Do Not Think, una serie di eventi organizzati da Fondation d’Art Oxylane, presso la Fabbrica del Vapore.

Eventi a MIlano - do no think - skateboard-milano

L’evento è nato durante un workshop di artisti europei negli spazi della Berlin International Skateboard Residence. Dopo le tappe di Berlino e di Wroclaw, in Polonia, le opere, i disegni, le fotografie e le installazioni approdano a Milano, fino al 15 luglio, per poi toccare città come Barcellona, Marsiglia e Londra.

Negli spazi esterni alla Fabbrica del Vapore è stata installata in modo permanente una pista da skateboarding e sono previsti workshop per bambini, videoproiezioni, concerti e skate jams.

La manifestazione rappresenta una riflessione sulla cultura urbana e sulla street art, secondo il punto di vista degli skater, privilegiando come chiave di lettura le pratiche relative allo skateboarding.

In mostra le opere di otto artisti, oltre a numerosi eventi e appuntamenti aperti al pubblico.

La Fabbrica del Vapore si trova in via Procaccini 4, a Milano e la mostra sarà visitabile ogni giorno dalle ore 11.00 alle ore 19.00 ad ingresso gratuito.

Per maggiori informazio clicca qui.

 
 

Print and Destroy: OBEY in mostra a Milano

04 giu

Conoscete Shepard Fairey, in arte OBEY?

Già parecchio tempo fa vi avevo parlato di una mostra a cielo aperto che l’ha visto coinvolto insieme ad altri street artist; oggi invece voglio parlarvi di una personale a lui dedicata presso la Galleria Federica Ghizzoni, in via Cagnola 26 a Milano.

Print and Destroy è il titolo della mostra, visitabile fino al 15 giugno 2012, organizzata in collaborazione con Heineken: la prima grande esposizione personale a Milano dell’artista americano, assurto a fama mondiale quando una sua opera è stata utilizzata per la campagna elettorale di Barack Obama. Shepard Fairey ha infatti realizzato nel 2008 un poster con un ritratto di Obama, allora deputato americano, dal titolo Hope, speranza. Dopo la vittoria di Obama tale opera è divenuta un simbolo e OBEY ha ottenuto la consacrazione tra i writer più famosi al mondo.

Obey - Propaganda Engineering

Le opere di Shepard Fairey sono riconoscibili sia per il suo caratteristico stile illustrativo sia per i soggetti da lui scelti con tagliente ironia.

Le 60 serigrafie esposte illustrano il motto dell’autore, question everything, discuti qualunque cosa. Questo è lo spirito con cui egli realizza tutte le sue opere: personaggi politici, come George W. Bush coi baffi da Hitler; paesaggi urbani falsamente romantici, perché rovinati da industrie, smog e ripetitori, come in “These sunsets are to die for”; simboli di diverse razze, culture e religioni riletti in maniera ironica; messaggi sociali e messaggi contro la guerra; o ancora personaggi riconoscibili come Cassius Clay, o una parodia dello zio Sam con in mano sei teschi a rappresentare sei diversi valori – diritti umani, democrazia, pace, giustizia, privacy, libertà civile – che l’artista considera morti, ma con una chiara indicazione: “fate come dice, non come agisce”. 

Obey - Unesclam rise above

È la prima volta che tanti soggetti firmati Shepard Fairey convivono in un unico spazio a Milano quindi credo proprio che valga la pena visitare la mostra! ;)

Per maggiori informazioni visitate il sito della Galleria Federica Ghizzoni.

Per saperne di più sull’autore invece visitate il suo sito ufficiale.

 
No Comments

Posted in Mostre

 

Smemowow: la Smemoranda in mostra presso WOW Spazio Fumetto

22 ago

Eccoci qua, di nuovo in città! Un buongiorno a tutti coloro che sono rientrati! :D

Visto che si avvicina l’inizio delle scuole è doveroso parlare della Smemoranda, l’agenda-diario meglio conosciuta come Smemo che tutti, almeno una volta nella vita, hanno avuto!

Proprio alla Smemo è dedicata la mostra Smemowow ospitata fino al 18 settembre presso WOW Spazio Fumetto, in Viale Campania 12 a Milano.

La mostra ha un sottotilo eloquente, 1986-2011. Storia e storie di Smemoranda attraverso le tavole dei suoi disegnatori, che ci illustra l’intento di questa iniziativa dedicata ai 25 anni del celebre diario che ha accompagnato milioni di studenti con articoli, opinioni, saggi, disegni e vignette firmate dai migliori comici, attori, artisti e vignettisti satirici.

Oltre duecento vignette verranno infatti esposte per la prima volta al Museo del Fumetto di Milano, vignette che hanno raccontato con spregiudicatezza il mondo che cambia, gli scandali politici, le guerre, le riforme scolastiche, il sesso e la rivoluzione digitale: moltissimi sono stati gli autori che nel corso del tempo hanno contribuito a ritrarre in maniera ironica e pungente il nostro Paese sulle pagine dell’agenda.

La mostra è articolata in due sezioni: la prima presenta le vignette più significative e divertenti di ogni edizione mentre la seconda dedica cinque spazi monografici ai celebri Altan, Vauro, Staino, Ellekappa e Lunari. I visitatori potranno inoltre ammirare il murales dipinto dagli street artists Pao e Willow sulla parete che si affaccia sulla terrazza del museo e che è stato realizzato in occasione di Smemo per la creatività urbana, un progetto con cui Smemoranda ha dato la possibilità a otto giovani writers italiani di mostrare il proprio talento, seguendo il filo del sogno.

Murales di Pao e Willow per Smemoranda

Murales di Pao e Willow per Smemoranda

La mostra, ad ingresso gratuito, è visitabile tutti i giorni escluso il lunedì. Per maggiori informazioni visitate il sito di WOW Spazio Fumetto.

 
2 Comments

Posted in Mostre

 

Eventi a Milano: “Sopra il Sotto”, tombini d’autore in via Montenapoleone

24 nov

Sopra il Sotto Tombini Art

Tombino firmato Shepard Fairey

Dopo la prima edizione di Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la città cablata che ha visto via Tortona colorarsi grazie a 32 tombini d’artista, una seconda invasione di street-art colorerà questa volta la strada della moda milanese per antonomasia: via Montenapoleone. Dal 18 novembre al 31 dicembre i tombini in ghisa di una delle vie simbolo della moda, del made in Italy e del lusso mondiale, reinterpretati e dipinti, diventano opere d’arte in una mostra a cielo aperto.

Il progetto è nato da un’idea di Monica Nascimbeni per festeggiare i dieci anni di vita della società Metroweb che ha installato oltre cinquemila chilometri di cavi in fibra ottica a Milano, rendendola la città più cablata d’Europa.

Un’iniziativa che, mettendo in luce il volto «legalizzato» della street-art, guadagna con questa edizione una dimensione veramente globale: dalle capitali mondiali della public art e del graffitismo sono stati chiamati cinque grandi artisti della street-art internazionale, invitati a realizzare un’opera multipla su più tombini, quasi una personale ciascuno: Shepard Fairey (New York), Flying Fortress (Berlino), Rendo (Milano), The London Police (Londra), Space Invader (Parigi).

Un modo colorato e moderno per abbellire la città e per dimostrare che si può fare street-art anche in maniera corretta, spingendo i cittadini ad accoglierne più favorevolmente le opere. Inoltre la scelta della location testimonia anche la sensibilità crescente del mondo della moda ad aprirsi all’arte contemporanea e al design soprattutto in ambito internazionale.

 
No Comments

Posted in Eventi, News